Recensione – Marvel’s Iron Fist
×
Accedi al tuo account

Hai perso la password?
Registrati adesso è GRATUITO

Appena entrato avrai:
Norton Safe Web Connessione HTTPS Sicura

Registrati Adesso!

Menu
NAV
Pubblicità

BETA
Tag: Recensione, Marvel’s, Iron, Fist,
Valutazione discussione:
  • 0 voto(i) - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Recensione Recensione – Marvel’s Iron Fist

343 Visite
Tecnico e Gestore
*******
5,056.50C
03/2013
118
1,022
Gestori
Messaggio: #1
Thumbs Up  Recensione Recensione – Marvel’s Iron Fist
18/03/2017, 19:47

Aggiorna il tuo account per nascondere gli annunci pubblicitari.

[Immagine: iron-fist-banner-marvel-netflix.jpeg?resize=634%2C312]

Netflix presenta il quarto Difensore in Marvel’s Iron Fist, ultima serie stand-alone prima dell’esordio della miniserie che vedrà i supereroi del mondo Marvel/Netflix uniti contro Elektra e la Mano. E nei 13 episodi che compongono questa prima stagione del suo show, Danny Rand presenta al mondo il suo biglietto da visita.

Da un paio d’anni a questa parte pare che una strana ed inquietante tendenza abbia iniziato ad insinuarsi (prima si insinuava, ora dilaga) nelle menti di chi scrive di cinema e/o televisione: un mix letale e asfissiante di politically correct, perbenismo e pseudo puritanesimo.

Gli #Oscarsowhite, il James Bond di colore, le valchirie di colore, le Hermione che cambiano colore, tutto nella società contemporanea deve avere un colore, altrimenti non va bene. Altrimenti è razzista. Altrimenti non è al passo coi tempi.

Delle tante critiche mosse a questa serie, ne ho letta una particolarmente arguta: che il cast era sbagliato perché esclusivamente caucasico (solo a me Jessica Henwick sembra chiaramente asiatica?), ma il più sbagliato di tutti era l’attore protagonista, Finn Jones, perché un bianco non sarebbe adatto al ruolo di un maestro del kung-fu.

Ora, a parte il fatto che associare un asiatico al kung-fu è già di per se piuttosto razzista, non riesco proprio a capire perché, stando ai ragionamenti ben pensanti dei puritani di cui sopra, il Danny Rand creato da Roy Thomas e Gil Kane nel passare dai fumetti alla televisione avrebbe dovuto cambiare etnia ed essere interpretato da Jackie Chan.

A voi quella della razza sembra una critica costruttiva? Questa serie ne ha di problemi, ma sul casting è stato fatto un lavoro egregio. E Finn Jones, svestita l’armatura di Ser Loras Tyrell, è un Pugno d’Acciaio perfetto (non so per voi, ma per me la perfezione in un ruolo si raggiunge quando non si riesce più ad immaginare un altro attore in quel determinato ruolo, e a Jones basteranno non più di un paio di puntate per diventare il vostro solo ed unico Iron Fist).

Guardate, la serie non è perfetta, ma di certo è molto divertente e anche piuttosto interessante sotto più di un punto di vista.

Anzitutto è spesso volubile e sempre mutevole (all’inizio è molto kafkiana, in stile Qualcuno Volò sul Nido del Cuculo, poi si fa un po’ Fight Club, un po’ Erin Brockovich e un po’ Solo Dio Perdona di Refn) e vi riserverà tanti colpi di scena, di cui alcuni davvero molto sorprendenti. Inoltre troverete tantissimo Shakespeare (Giulio Cesare, Romeo e Giulietta), Mary Shelly (un personaggio porta l’alias di “Frank Stain”), un mucchio di proverbi zen, bellissimi combattimenti, un ammirevole livello di introspezione e l’effetto speciale per il Pugno d’Acciaio è una delle cose più fighe che potete trovare in televisione (semplice, ma sia funzionale che elegante).

Si, la trama è molto sbrigativa. E si, spesso avrete la sensazione di essere al cospetto di un fratellino minore di Daredevil, meno impegnato e soprattutto meno elegante. E ancora si, Iron Fist è praticamente un prologo di tredici episodi a The Defenders, e il suo vero obiettivo è quello di presentare Danny Rand e la sua storia al pubblico che non ha mai sentito parlare di lui per introdurlo in vista dell’attesa mini-serie.

Ma questa prima stagione di super kung-fu è divertente e non stanca mai, e dato che vengo da un binge-watch di tredici ore no-stop potete fidarvi. E’ una storia che parla della famiglia, di quella che vorremmo e di quella che invece abbiamo, una storia che parla di dualismo, una storia che parla di manualità (ci sono tantissimi dettagli di mani, mani che accarezzano, mani che colpiscono, proprio come in Solo Dio Perdona) e dell’idiosincrasia fra dovere e volontà.

Magari raccontata in modo banale, ma comunque appagante e degna di essere seguita.

fonte web.

Firma:

Ciao Carò Utente Hai un Problema o una Domanda? bhe allora Contattaci:

Email: info@natnox.com
Twitter: Natnox
Facebook: Natnox

EMINEM & RIHANNA
[Immagine: 9vJLLEP.gif][Immagine: AUpdxc9.gif]

Rispondi


Aggiorna il tuo account per nascondere gli annunci pubblicitari.




Utenti che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)



Discussioni simili
Discussione Autore Risposte Letto Ultimo messaggio
  Runaways si svolgerà nel mondo delle serie TV Marvel-Netflix! fla29 0 162 31/07/2017, 15:30
Ultimo messaggio: fla29
Information Informazione Ufficiale: Il bambino di Iron Man 2 era Peter Parker Natnox 0 267 27/06/2017, 11:22
Ultimo messaggio: Natnox
  Notizia Per gli attori Marvel è illegale partecipare ad un film DC Natnox 1 231 19/06/2017, 16:11
Ultimo messaggio: Loois
  Notizia Marvel’s Luke Cage: Netflix rilascia il primo Teaser Trailer e il Logo ufficiale Natnox 0 441 18/03/2016, 21:40
Ultimo messaggio: Natnox
  Recensione RECENSIONE PICCOLI BRIVIDI Natnox 0 489 02/02/2016, 00:59
Ultimo messaggio: Natnox
  Recensione RECENSIONE POINT BREAK Natnox 0 606 01/02/2016, 20:11
Ultimo messaggio: Natnox
  Recensione RECENSIONE JOY Natnox 0 435 01/02/2016, 00:46
Ultimo messaggio: Natnox