Coronavirus: forte calo dell’inquinamento in Cina registrato da NASA ed ESA
×
Accedi al tuo account

Hai perso la password?
Registrati adesso è GRATUITO

Appena entrato avrai:
Norton Safe Web Connessione HTTPS Sicura

Registrati Adesso!

Menu
NAV
Pubblicità

BETA

Coronavirus: forte calo dell’inquinamento in Cina registrato da NASA ed ESA

316 Visualizzazioni


I satelliti di monitoraggio dell’inquinamento della NASA e dell’Agenzia spaziale europea (ESA) hanno rilevato riduzioni significative del biossido di azoto (NO2 ) sulla Cina. È stato dimostrato che il cambiamento è almeno in parte correlato al rallentamento economico in seguito allo scoppio del coronavirus.

Come oramai purtroppo sappiamo, era circa il 23 gennaio 2020 quando le autorità cinesi avevano chiuso i trasporti in entrata e in uscita da Wuhan, così come le imprese locali, al fine di ridurre la diffusione della malattia. È stata la prima delle diverse quarantene istituite nel paese e successivamente nel mondo.

Le mappe mostrano le concentrazioni di biossido di azoto, gas nocivo emesso da autoveicoli, centrali elettriche e impianti industriali. Le mappe sopra mostrano i valori di NO2 in tutta la Cina dall’1 al 20 gennaio 2020 (prima della quarantena) e dal 10 al 25 febbraio (durante la quarantena). I dati sono stati raccolti dallo strumento di monitoraggio troposferico ( TROPOMI ) sul satellite Sentinel-5 dell’ESA . Un sensore correlato, l’Ozone Monitoring Instrument ( OMI ) sul satellite Aura della NASA , ha effettuato misurazioni simili.

Secondo gli scienziati della NASA, la riduzione dell’inquinamento da NO2 è stata inizialmente evidente vicino a Wuhan, ma alla fine si è diffusa in tutto il paese. Milioni di persone sono state messe in quarantena in una delle più grandi azioni di questo tipo nella storia umana. Alla data del 28 febbraio 2020, il virus era stato rilevato in almeno 56 paesi.

[Immagine: cZd3V35.png]

“Questa è la prima volta che vedo un calo così drammatico su un’area così ampia per un evento specifico”, ha dichiarato Fei Liu, ricercatore della qualità dell’aria presso il Goddard Space Flight Center della NASA. Liu ricorda di aver visto un calo del NO2 in diversi paesi durante la recessione economica iniziata nel 2008, ma il calo è stato graduale. Gli scienziati hanno anche osservato una significativa riduzione intorno a Pechino durante le Olimpiadi del 2008 , ma l’effetto è stato per lo più localizzato intorno a quella città e i livelli di inquinamento sono aumentati di nuovo una volta terminate le Olimpiadi.

Chiaramente neanche questa può essere valutata come una buona notizia. Inoltre sappiamo che una volta terminata l’emergenza, tutto tornerà come prima, o quasi. Restiamo impegnati.


Fonte: NASA