Coronavirus, attenzione al pangolino come possibile causa
Si prega di disabilitare gli script di anti adblock per visualizzare questa pagina
NAV
Ciao, ospite! Accedi o Registrati su Natnox
Accedi con Facebook LoginRegistrati
Registrati adesso è GRATUITO

Appena entrato avrai:
Norton Safe Web Connessione HTTPS Sicura

Registrati Adesso!

Pubblicità


Facebook Twitter Linkedin MySpace Technorati Digg

Coronavirus, attenzione al pangolino come possibile causa

52 Visualizzazioni


In Cina continuano le ricerche sulla possibile causa del coronavirus e dopo i pipistrelli e i serpenti ora l’attenzione è puntata sul pangolino: un animale selvatico nel quale il coronavirus dei pipistrelli si sarebbe mutato e trasformato nel coronavirus 2019-nCoV capace di aggredire l’uomo.

Sui pangolini è ora incentrata la ricerca condotta in Cina da Shen Yongyi e Xiao Lihua, entrambi della South China Agricultural University di Guangzhou. La ricerca, è basata su dati genetici, ed al momento i risultati sono stati pubblicati soltanto sul sito dell’università cinese ed è questo uno dei motivi per cui la ricerca è stata accolta con perplessità dalla comunità scientifica internazionale.

È stato osservato che il coronavirus dei pangolini ha recettori molto simili a quelli osservati nel coronavirus 2019-nCoV: sarebbe infatti emerso come i due virus utilizzano una chiave molecolare molto simile per riuscire ad entrare nelle cellule dell’uomo.

“Quest’ultima scoperta avrà un grande significato per la prevenzione e il controllo del nuovo coronavirus”, si legge sul sito della Scau. L’ipotesi sembra plausibile, ma la cautela è d’obbligo perché la ricerca non è stata ancora pubblicata.

Come rileva il Wwf, i pangolini sono vittime di un traffico clandestino e le otto specie note sono tutte in via di estinzione.


Fonte: web






contatore